Egon Schiele

Ho amato ogni cosa. La ragazza arrivò, io trovai il suo viso, il suo inconscio, le sue mani da operaia; ho amato tutto di lei. Dovevo raffigurarla, perché lei ha quello sguardo e mi era così vicina. Adesso se n’è andata. Adesso ottengo il suo corpo.